Via Experientia

7 ottobre 2014
11206138_10152989431598386_8112204013524767003_n

foto

Introduzione
Il Via Experientia e' un' Accademia Internazionale di educazione esperienzale: giunta alla sua quinta edizione, Via Experientia nasce con lo scopo di riunire persone operanti nel settore educativo, formativo, sociale al fine di acquisire una maggiore consapevolezza di metodi e procedure nell'educazione degli adulti.

Frutto di una sinergia tra professionisti provenienti da diversi paesi, il percorso ha durata annuale e prevede diversi incontri: il primo di questi si è svolto a settembre in Lituania nella magnifica cornice del Tiki Inn, location immersa nel bosco ed abbracciata dai laghi.

L'esperienza
Era il 2012 quando presi la decisione di partecipare a questo percorso: ci sono voluti due anni affinché questa decisione diventasse realtà. Avevo ascoltato con grande attenzione i racconti dei miei colleghi e amici… Dentro di me si muovevano curiosità e timore: non sapevo cosa avrei trovato ma, soprattutto, non sapevo cosa avrei lasciato. Così, a settembre, armata di bagagli pieni di cose inutili (l'avrei scoperto solo in un secondo momento) sono partita per la Lituania, direzione Vilnius. Ad attendermi all'aeroporto una calda giornata estiva e il treno che, da li a due ore, mi avrebbe portata alla struttura che ci avrebbe ospitato per tutti e dieci i giorni. All'arrivo al Tiki Inn ho incontrato i miei compagni di viaggio: sconosciuti che da li a poco sarebbero diventati amici, confidenti, custodi di storie e segreti.
E' sorprendente come in queste situazioni si riescano ad abbattere barriere, muri, difficoltà linguistiche e scoprire come, per entrare in contatto con le persone basti uno sguardo, un silenzio condiviso. I giorni successivi all'arrivo ci hanno visti impegnati in attività pratiche/metaforiche intervallati da lunghi momenti di riflessione individuale: non sono mancati, inoltre, momenti di condivisione di modelli e teorie che delineano le diverse fasi di evoluzione di un gruppo.
Via Experientia è un viaggio: dentro se stessi alla scoperta dei propri schemi abituali di comportamento, reazioni, emozioni… …e fuori di sé: come trainer, con la propria capacità di "sentire" il gruppo, essere pienamente in ascolto, facilitarne la crescita e l'evoluzione abbandonando le aspettative del come dovrebbe essere e seguendone la naturale evoluzione…
Perché ogni gruppo ha la sua storia che non è la storia che noi vogliamo scrivere per lui.

Prossima tappa? Outward Bound Belgio: il cuore della formazione esperienziale In Europa.

To be continued…

You Might Also Like